Vai al contenuto principale

6 domande regolari relative a SEO e reindirizzamenti

Divi: il tema WordPress più semplice da usare

Divi: il miglior tema WordPress di tutti i tempi!

più Download di 901.000, Divi è il tema WordPress più popolare al mondo. È completo, facile da usare e viene fornito con oltre i modelli gratuiti 62. [Consigliato]

Un reindirizzamento si verifica quando qualcuno richiede una pagina specifica ma viene inviato a una pagina diversa. Spesso, il proprietario del sito ha eliminato la pagina e impostato un reindirizzamento per inviare visitatori e motori di ricerca a una pagina pertinente. Un approccio molto migliore che dare loro un'esperienza noiosa e poco invitante. I reindirizzamenti svolgono un ruolo importante nella vita di proprietari di siti, sviluppatori e SEO. Quindi rispondiamo ad alcune domande comuni sui reindirizzamenti SEO.

1. I reindirizzamenti sono dannosi per il SEO?

Beh, dipende, ma nella maggior parte dei casi no. I reindirizzamenti non sono dannosi per il SEO, ma (come molte cose) solo se li metti correttamente. Una cattiva implementazione può causare tutti i tipi di problemi, dalla perdita di PageRank alla perdita di traffico. Il reindirizzamento delle pagine è un must se stai apportando modifiche ai tuoi URL. Dopotutto, non vuoi vedere tutto il duro lavoro che dedichi alla creazione di un pubblico e alla raccolta di collegamenti, vai giù per lo scarico.

2. Perché dovrei reindirizzare un URL?

Reindirizzando un URL modificato, stai inviando sia utenti che bot a un nuovo URL, riducendo al minimo il fastidio. Ogni volta che esegui un qualche tipo di manutenzione sul tuo sito, stai cambiando le cose. Puoi eliminare un articolo, modificare la struttura dell'URL o spostare il tuo sito in un nuovo dominio. Devi sostituirlo o i visitatori atterreranno su quei temuti errori 404. Se apporti piccole modifiche, come l'eliminazione di un articolo obsoleto, puoi reindirizzare il vecchio URL con un 301 a un nuovo articolo pertinente o assegnargli un 410 per dire che l'hai eliminato. Non eliminare articoli senza un piano. E non reindirizzare i tuoi URL a post casuali che non hanno nulla a che fare con il post che stai eliminando.

I progetti più grandi richiedono una strategia di migrazione degli URL. Ad esempio, il passaggio da HTTP a HTTPS (ne parleremo più avanti), modificando i percorsi dell'URL o spostando il sito in un nuovo dominio. In questo caso, dovresti esaminare tutti gli URL del tuo sito e associarli alle loro posizioni future nel nuovo dominio. Dopo aver determinato cosa va dove, puoi iniziare a reindirizzare gli URL. Utilizza lo strumento Cambio di indirizzo in Google Search Console per notificare a Google le modifiche.

3. Che cos'è un reindirizzamento 301? Che ne dici di un reindirizzamento 302?

Utilizza un reindirizzamento 301 per reindirizzare in modo permanente un URL a una nuova destinazione. In questo modo, comunichi ai visitatori e ai motori di ricerca che questo URL è cambiato e che è stata trovata una nuova destinazione. Questo è il reindirizzamento più comune. Non utilizzare un 301 se desideri riutilizzare questo URL. In tal caso, è necessario un reindirizzamento 302.

Crea facilmente il tuo sito Web con Elementor

Elementor ti consente di creare facilmente qualsiasi design di sito Web con un aspetto professionale. Smetti di pagare caro per quello che puoi fare da solo. [Free]

Un reindirizzamento 302 è un cosiddetto reindirizzamento temporaneo. Ciò significa che puoi usarlo per dire che questo contenuto è temporaneamente non disponibile a quell'indirizzo, ma tornerà.

4. Qual è un modo semplice per gestire i reindirizzamenti su WordPress?

Potremmo essere un po 'di parte, ma pensiamo che redirection manager nel plugin Yoast SEO Premium WordPress È incredibile. Sappiamo che molte persone hanno difficoltà a comprendere il concetto di reindirizzamento e il tipo di lavoro necessario per aggiungerli e gestirli. Questo è il motivo per cui una delle prime cose aggiunte al plug-in SEO di WordPress è stato uno strumento di reindirizzamento facile da usare.

Stai cercando i migliori temi e plugin per WordPress?

Scarica i migliori plugin e temi WordPress su Envato e crea facilmente il tuo sito web. Già più di 49.720.000 download. [ESCLUSIVO]

Ecco cosa succede quando elimini un articolo:
  • Sposta un elemento nel cestino
  • Viene visualizzato un messaggio che indica che hai spostato un elemento nel cestino
  • Scegli una delle due opzioni offerte dal gestore di reindirizzamento:
    • Reindirizza a un altro URL
    • Fornisce un contenuto di intestazione 410 eliminato
  • Se scegli il reindirizzamento, si aprirà una finestra modale in cui puoi inserire il nuovo URL per quel particolare post
  • Salva e il gioco è fatto!

Così pratico, no?

5. Cos'è un redirect checker?

Un redirect checker è uno strumento per determinare se un dato URL viene reindirizzato e analizzare il percorso che sta seguendo. Puoi utilizzare queste informazioni per trovare i colli di bottiglia, come una stringa di reindirizzamento in cui un URL viene reindirizzato più volte, il che rende molto più difficile per Google eseguire la scansione di quell'URL e offre agli utenti un'esperienza utente inferiore. storico. Questi canali spesso arrivano senza che tu lo sappia: se elimini una pagina che è già stata reindirizzata, aggiungi un'altra parte al canale. Quindi, devi tenere d'occhio i tuoi reindirizzamenti e uno degli strumenti per farlo è un controllo di reindirizzamento.

Puoi utilizzare una qualsiasi delle suite SEO come Sitebulb, Ahrefs e Screaming Frog per testare i tuoi reindirizzamenti e collegamenti. Se hai solo bisogno di un controllo rapido, puoi anche utilizzare uno strumento più semplice come httpstatus.io per darti un'idea della vita di un URL sul tuo sito. Un altro strumento indispensabile è l'estensione Redirect Path per Chrome, realizzata da Ayima.

6. Devo reindirizzare HTTP a HTTPS?

Ogni volta che pianifichi di trasferirti Protocollo HTTPS per il tuo sito (quello con il lucchetto verde nella barra degli indirizzi) devi reindirizzare il tuo traffico HTTP a HTTPS. Potresti avere problemi con Google se rendi il tuo sito disponibile su HTTP e HTTPS, quindi fai attenzione. Inoltre, i browser visualizzeranno un messaggio NON SICURO quando il sito non è protetto tramite una connessione HTTPS. Inoltre, Google preferisce i siti HTTPS perché tendono ad essere più veloci e più sicuri. I tuoi visitatori si aspettano anche una maggiore sicurezza.

È quindi necessario configurare un reindirizzamento 301 da HTTP a HTTPS. Ci sono due modi per farlo e devi pianificare questo per assicurarti che tutto vada come previsto. Prima di tutto, il modo migliore per farlo è a livello di server. Scopri su quale tipo di server è in esecuzione il tuo sito (NGINX, Apache o altro) e trova il codice necessario da aggiungere al file di configurazione del server o al file .htaccess. Molto spesso, il tuo host ha una guida per aiutarti a configurare il reindirizzamento da HTTP a HTTPS a livello di server. Guarda il nostro tutorial per saperne di più.

Crea facilmente il tuo negozio online

Scarica gratuitamente WooCommerce, i migliori plug-in di e-commerce per vendere i tuoi prodotti fisici e digitali su WordPress. [Consigliato]

Esistono anche plugin di WordPress in grado di gestire le cose HTTPS / SSL per il tuo sito, ma per questo problema specifico non farei affidamento su un plugin, ma gestirei il tuo reindirizzamento a livello di server. Non dimenticare di informare Google delle modifiche in Search Console.

Referral per SEO

Ci sono molte domande che sorgono sul reindirizzamento e sulla SEO. Se ci pensi, il concetto di reindirizzamento non è troppo difficile da comprendere. Anche iniziare con i reindirizzamenti non è così difficile. La parte difficile della gestione dei reindirizzamenti è gestirli. Dove portano tutti questi reindirizzamenti? E se qualcosa si rompe? Riesci a trovare catene di reindirizzamento o loop di reindirizzamento? Puoi accorciare i percorsi? Puoi guadagnare molto ottimizzando i tuoi reindirizzamenti, quindi dovresti andare avanti e risolverli. Hai domande scottanti sui reindirizzamenti? Fateci sapere nei commenti!

Questo articolo contiene i commenti 0

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza Akismet per ridurre indesiderati. Ulteriori informazioni su come vengono utilizzati i dati dei commenti.

Torna in alto
12 azioni
quota10
Tweet1
Enregistrer1