Vai al contenuto principale

I potenziali pericoli di sovraccarico a plugin di WordPress

Divi: il tema WordPress più semplice da usare

Divi: il miglior tema WordPress di tutti i tempi!

più Download di 600.000, Divi è il tema WordPress più popolare al mondo. È completo, facile da usare e viene fornito con oltre i modelli gratuiti 62. [Consigliato]

I plugin sono pacchetti di funzionalità che aggiungi al tuo sito. La versatilità di WordPress deriva da questi. Senza di essi, questa piattaforma sarebbe un po 'limitata nella sua utilità. Ma con più di 40 plugin 000 a portata di mano su WordPress.org, diventare dipendenti potrebbe essere facile. Raccogli plugin sul tuo sito?

O sei un sostenitore del minimo indispensabile? Ti chiedi qual è la misura giusta? Certo, è difficile decidere il numero di queste estensioni da installare, ma invece, in questo articolo, propongo di aggirare i potenziali pericoli causati dal sovraccarico dei plugin in WordPress.

Come funzionano i plugin?

Per soddisfarti, i plugin intercettano il funzionamento di WordPress in un determinato momento. Al fine di risolvere il tuo problema, introducono un emendamento nella tua dashboard per aiutarti o nella parte anteriore del tuo sito a beneficio dei visitatori.

Questo non sarà senza ripercussioni sulle prestazioni del tuo sito. Nel primo caso sono previste ulteriori richieste al database, mentre nel secondo caso verranno effettuate richieste HTTP.

Impatto delle query di dati sul tuo sito

I plugin conservano tutte le informazioni del tuo sito nel database. Se il tuo plug-in registra e ti restituisce informazioni, sicuramente esegue query aggiuntive sul database del tuo sito. Ciò ha l'effetto di aumentare il carico su quest'ultimo e, in alcuni casi, di rallentare il sito. È quindi importante decidere quanto sia importante un plug-in per il tuo sito se viene spesso richiesto al database. Si noti che plug-in ben codificati e un servizio di hosting ottimizzato possono aiutare a ridurre questo effetto.

Impatto delle richieste HTTP sul tuo sito

Alcuni plugin che, ad esempio, cambiano l'aspetto del tuo sito richiedono script personalizzati per il loro funzionamento. Questo si traduce in file CSS o javascript che devono essere caricati in aggiunta. Una pagina Web è composta da numerosi script e risorse (immagini o contenuti multimediali). Per ogni file, una richiesta HTTP viene inviata al server che ospita la pagina. Il server riceve la richiesta, recupera il file e lo restituisce al terminale del visitatore, che lo mette con gli altri per ricostruire la pagina.

Il problema qui è che il protocollo HTTP può essere lento a volte per restituire i file, allungando così il tempo di visualizzazione delle pagine del tuo sito.

Tieni presente che, a meno che tu non abbia un numero molto elevato di pagine nel tuo sito, alcune richieste HTTP aggiuntive non possono causare problemi.

I potenziali pericoli di sovraccarico a plugin di WordPress

Ora sai come funzionano i plugin. L'installazione e l'attivazione di molti plugin possono rallentare, rendere instabile o interrompere un sito? La risposta più sana è: dipende. In effetti, a seconda di come sono stati codificati o del problema che risolvono, possono sorgere problemi diversi.

Crea facilmente il tuo sito Web con Elementor

Elementor ti consente di creare facilmente qualsiasi design di sito Web con un aspetto professionale. Smetti di pagare caro per quello che puoi fare da solo. [Free]

Questi possono ancora essere evitati osservando alcuni suggerimenti.

Problema # 1: il sito si arresta in modo anomalo

Tieni presente che anche il meglio di tutti gli sviluppatori di plug-in WordPress professionisti è immune da un bug. Prendi ad esempio cosa sapevano i proprietari dei siti con l'ormai eccellente plugin SEO WordPress di Yoast.

La crescente community di WordPress accoglie ogni giorno nuovi sviluppatori che vogliono mettere a frutto le proprie competenze. Ciò significa che in qualsiasi momento un plugin che non è molto ben codificato o che contiene un bug può emergere e rompere uno o due siti. È nell'essenza stessa della natura di progetti gratuiti come WordPress. È questo stato di cose che alla fine ha reso i proprietari di siti Web diffidenti nei confronti dell'installazione di plugin.

Soluzione : Evita la duplicazione delle funzionalità

La prima cosa da fare prima di installare un nuovo plug-in sul tuo sito è verificare che non ci sia già un plug-in che abbia lo stesso scopo. Questo ha un duplice scopo: evitare di avere più plugin che fanno la stessa cosa, ma anche evitare conflitti tra plugin.

Stai cercando i migliori temi e plugin per WordPress?

Scarica i migliori plugin e temi WordPress su Envato e crea facilmente il tuo sito web. Già più di 49.720.000 download. [ESCLUSIVO]

Problema # 2: calo delle prestazioni

Ricorda, più plug-in installi sul tuo sito, più richieste vengono inviate al server e più a lungo vengono caricate le pagine. Un altro aspetto del calo delle prestazioni è l'incompatibilità tra i plugin. È noto che alcuni plugin non funzionano normalmente quando sono installati anche altri. Ciò può comportare un caricamento lento delle pagine e talvolta arresti anomali.

Soluzione: caching e testare la velocità delle pagine

La memorizzazione nella cache consiste nel trasformare le risorse che compongono le tue pagine in risorse statiche, mantenute possibilmente direttamente sul terminale del client. Ciò ha l'effetto di ridurre il carico sul server e accelerare il caricamento delle pagine che necessiteranno di queste risorse. È possibile installare un plug-in per farlo. W3 Total Cache e WP Super Cache sono eccellenti.

D'altra parte, per avere un'idea dell'impatto che un nuovo plugin ha sulle prestazioni del tuo sito, puoi usare strumenti come Google Page velocità Insights per avere le prestazioni della tua pagina prima e dopo l'installazione del nuovo plugin.

Un altro buon strumento è WP Speedster. È un sistema di classificazione di plugin e temi basato sulle loro prestazioni sui siti WordPress online. È davvero interessante e soprattutto gratuito.

Le plug-in P3 (Plugin prestazioni Profiler) può anche aiutarti creando profili di prestazioni sui tuoi plugin e misurando l'impatto che hanno sui tempi di caricamento delle tue pagine.

Problema N ° 3: vulnerabilità della sicurezza

Come proprietario o amministratore del sito, la sicurezza del sito deve essere sempre al centro di tutte le tue azioni perché quando gli hacker sono coinvolti sono ore a volte anni di lavoro o reputazione duramente compromessa che sono compromessi.

Tutti i software, in particolare quelli chiamati a operare su Internet, sono soggetti a pirateria di alcuni tipi. Anche se tutti gli sforzi della comunità sono messi a questo, WordPress non fa eccezione a questa regola.

Soluzione: aggiorna e salva il tuo sito

Il nucleo di WordPress è sviluppato da esperti nel campo del web. Pertanto, è molto sicuro. D'altra parte, è sufficiente solo un plugin con un piccolo difetto, per esporre tutto il tuo sito. Un plugin che funziona bene non significa che sei immune. Ecco perché è necessario eseguire backup regolari del tuo sito.

Parallelamente, esegui anche aggiornamenti costanti di WordPress stesso, nonché dei tuoi plugin e temi. Le ultime versioni hanno meno probabilità di essere hackerate e di entrare in conflitto.

Crea facilmente il tuo negozio online

Scarica gratuitamente WooCommerce, i migliori plug-in di e-commerce per vendere i tuoi prodotti fisici e digitali su WordPress. [Consigliato]

suggerimenti Bonus

Dopo aver esplorato i potenziali pericoli del sovraccarico dei plug-in e aver visto come evitarli, ecco un breve elenco di suggerimenti da seguire in modo da non influenzare negativamente il tuo sito con la scelta dei plug-in:

  • Ricorda che non è la quantità di plugin installati e ha attivato il problema, ma i plugin mal codificati.
  • Assicurati di installare solo i plugin degli autori rispettati dalla community per evitare problemi.
  • Note, commenti e forum di supporto sono buone risorse per farsi un'idea di come funziona il plugin per gli altri. Puntare i plug-in a stella 5.
  • Assicurati che il plug-in installato migliorerà l'esperienza dei tuoi visitatori o te stesso come amministratore.
  • Rimuovi eventuali plug-in che non utilizzeresti più inclusi quelli inattivi.
  • Assicurati di sapere a cosa serve il plugin da installare.
  • I plug-in validi vengono aggiornati regolarmente e dispongono di statistiche di download.

In definitiva, si tratta di conoscere bene le origini, la qualità, la sicurezza, le prestazioni di un plugin prima di installarlo. Ricorda che il tuo sito è efficiente e sicuro come il codice che lo compone, inclusi i plugin.

Quanti plugin installare? Quanto vuoi, purché ognuno di essi ti serva per qualcosa. È più una questione di qualità e utilità che quantità. Se prendi sul serio i tuoi aggiornamenti su WordPress e le tue estensioni, nonché durante i tuoi backup, non avrai problemi che non puoi recuperare rapidamente in un modo o nell'altro.

Questo è tutto per i pericoli del sovraccarico dei plugin in WordPress. E tu, quanti plugin usi? quanto pensi di essere il minimo? il massimo? È una questione di qualità? Reagisci nella sezione commenti.

Questo articolo contiene 1 commento
  1. Narcisse Ciao,

    Per me, dipende dai siti e dalle funzionalità di cui ho bisogno. Anche su alcuni siti ho installato solo plugin 2 e su altri, arriviamo a venti.
    Dall'anno 1, cerco di aggirare i miei siti ed eliminare tutti i plugin che non forniscono un reale miglioramento per limitare il numero.
    Presumo che prima di installare un plugin, devi porsi la seguente domanda: sarà davvero utile (direttamente o indirettamente tramite i visitatori)? E la risposta dev'essere sincera sì, altrimenti va per la tua strada.
    Non dobbiamo dimenticare che più plugin sono installati, tanto più saremo aggiornato per raggiungere, e che il più il rischio di incompatibilità tra plugin.
    Infine oltre al numero di plugin e ai loro aggiornamenti regolari, consiglio vivamente di utilizzare solo alloggi suddivisi in compartimenti (anche partizionati), l'ideale è un sito per compartimento, perché anche se aggiorni sempre il tuo WordPress, così come i suoi temi e plugin, il tuo sito purtroppo può essere contaminato non da altri se è ospitato su un server non partizionato (mi è successo a luglio 2014 mentre i miei siti non erano nemmeno dotati di plugin incriminato).

    Cordiali saluti,

    Bruno

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza Akismet per ridurre indesiderati. Ulteriori informazioni su come vengono utilizzati i dati dei commenti.

Torna in alto
2 azioni
quota
Tweet2
Enregistrer