Vai al contenuto principale

Come modificare il tuo sito Web WordPress (senza hackerare i file principali)

Divi: il tema WordPress più semplice da usare

Divi: il miglior tema WordPress di tutti i tempi!

più Download di 901.000, Divi è il tema WordPress più popolare al mondo. È completo, facile da usare e viene fornito con oltre i modelli gratuiti 62. [Consigliato]

Se utilizzi WordPress da un po', o anche se non conosci WordPress, da qualche parte lungo la strada, ti consigliamo di apportare alcune modifiche al codice sul tuo sito.

Può essere per qualsiasi cosa, dall'aggiunta di funzionalità di base al tuo sito che non garantisce un plug-in completo, oppure puoi creare un tema figlio. Questi sono solo due esempi di una miriade di numeri.

Ma fermati lì cowboy! Ci sono alcune cose da fare e da non fare relative alla modifica del codice in WordPress, così come alcune aree che dovresti evitare del tutto. Tratteremo tutto questo in questo articolo.

Annuncio di servizio pubblico: no già Hackera il cuore di WordPress!

Trascorri abbastanza tempo con gli utenti di WordPress e alla fine sentirai quella frase immortale: “Non hackerare il core. »Questo significa che non dovresti toccare il coeur file: cosa fa funzionare WordPress.

Perché non chiedere? Bene, ci sono molte ragioni, ma andiamo con alcune delle più serie qui:

  1. Il tuo sito non è più la prova del tempo. Se apporti modifiche al core di WordPress, perdi la possibilità di effettuare aggiornamenti e mantenere le modifiche. In poche parole, quando viene rilasciato un aggiornamento e premi il pulsante per avviarlo (perché sei una brava persona che si aggiorna regolarmente), le tue personalizzazioni verranno sovrascritte con l'aggiornamento. Per mantenere le tue personalizzazioni, dovrai leggerle ogni volta che esegui l'aggiornamento, e questo non mi sembra un buon uso del tempo.
  2. C'è un plugin per questo. Quando entri nel nucleo di WordPress, stai essenzialmente facendo ciò che dovrebbero fare i plugin: modificare, aggiungere o modificare il funzionamento di WordPress. I plugin sono un modo molto più accettabile di fare ciò che vuoi fare rispetto all'hacking del kernel.

Quindi ora che hai buone ragioni per non hackerare il kernel, scopriamo cosa stai facendo pouvez cambiare in sicurezza.

Struttura dei file di WordPress

Ecco uno screenshot che mostra la struttura dei file di una tipica installazione di WordPress.

Vedrai che ci sono tre cartelle di primo livello e un mucchio di file.

Cartelle con etichetta wp-admin et wp-include sono vietati; non c'è niente là fuori che dovresti toccare! il wp content La cartella contiene i tuoi temi, plugin e qualsiasi immagine o documento che hai caricato. Puoi personalizzare il tuo tema tramite il fonctions.php file.

Quando si tratta di file di primo livello, l'unico che dovresti mai toccare è wp-config.php. Ci addentreremo in alcuni esempi su come modificare entrambi i file in seguito, ma mettiamo in atto alcune delle migliori pratiche prima di farlo.

Crea facilmente il tuo sito Web con Elementor

Elementor ti consente di creare facilmente qualsiasi design di sito Web con un aspetto professionale. Smetti di pagare caro per quello che puoi fare da solo. [Free]

Best practice per la modifica dei file WordPress

WordPress viene fornito con un editor di temi e plugin come parte delle funzionalità di base. Puoi trovarlo nella tua installazione andando su Aspetto> Editor dalla tua barra laterale.

Vai a dare un'occhiata se vuoi e poi scordatelo del tutto, perché non dovresti usare l'editor di WordPress per qualunque cosa. Periodo. In effetti, mi piacerebbe vedere questa funzione rimossa completamente da WordPress per diversi motivi:

  1. L'editor non è davvero un editor di codice completamente funzionale ed è facile commettere errori che provocano il temuto "schermo bianco della morte".
  2. Una volta premuto il pulsante Salva, non è possibile annullare. Non ripetere. La maggior parte dei buoni editor di codice ti consentirà di annullare le modifiche apportate nel caso in cui non funzionino come previsto.

Quindi qual è l'alternativa? Bene, se hai intenzione di utilizzare un editor di codice, devi avere familiarità con FTP.

FTP significa File Transfer Protocol - un modo elegante per dire che stai spostando file dal tuo computer al server web in cui risiede il tuo sito WordPress. Dovrai connetterti al tuo sito tramite un client FTP, scaricare una copia del file che desideri modificare, apportare le modifiche e quindi caricare il file sul server, sovrascrivendo il file che si trova sul server.

Alcuni editor di codice, ad esempio Coda (davvero molto sexy), consentono di modificare i file direttamente sul server. Alcuni ti consentono persino di visualizzare in anteprima le modifiche (normalmente solo per HTML e CSS). Se il tuo editor di codice fa questo, è una buona idea creare e salvare una copia del file originale con un nuovo nome (qualcosa come old_file_name.php è sempre una buona idea). In questo modo, se commetti un errore a cui non puoi tornare indietro, puoi semplicemente eliminare il nuovo file, cambiare il nome del file sulla copia che hai creato e andrà tutto bene.

È ora di modificare alcuni file di WordPress

Bene, facciamo sul serio.

Faremo alcune modifiche di esempio su due file - wp-config.php et fonctions.php - che sono due file non tematici che modificherai più spesso. (C'è un altro articolo completo che potremmo scrivere qui sulla modifica dei file dei temi, ma lo salveremo per un altro giorno.)

Modifica il wp-config.php Fichier

Le wp-config.php è uno dei file più importanti nella tua installazione di WordPress. In realtà non viene fornito con l'installazione predefinita di WordPress; installi un file chiamato wp-config-sample.php. Tu crei wp-config.php quando navighi nel programma di installazione (principalmente inserendo le informazioni del tuo database), oppure puoi anche rinominare il file wp-config-sample file in wp-config e aggiungere le informazioni del database manualmente.

Stai cercando i migliori temi e plugin per WordPress?

Scarica i migliori plugin e temi WordPress su Envato e crea facilmente il tuo sito web. Già più di 49.720.000 download. [ESCLUSIVO]

Troverai entrambi i file nella radice della directory web. Se sei passato attraverso il programma di installazione (schermata sotto) e hai inserito le informazioni del database lì, hai già creato il tuo wp-config.php. Quindi, apriamolo nel tuo editor di codice preferito e apportiamo alcune modifiche.
Come modificare i file principali di WordPress

Esempio di codifica magica: disattiva gli aggiornamenti automatici

Gli aggiornamenti automatici fanno parte di WordPress dalla versione 3.7. Non a tutti piace questa funzione; molti vorrebbero spegnerlo. Tutto quello che devi fare è aggiungere questa riga di codice al tuo wp-config.php file.

/ * Disabilita gli aggiornamenti automatici di WordPress * / define ('WP_AUTO_UPDATE_CORE', false);

Quando apporto modifiche a wp-config che mi richiedono di aggiungere nuovo codice al file, mi assicuro sempre di metterlo da qualche parte dove posso trovarlo facilmente se ne ho bisogno. Se guardi la riga 85 del wp-config.php file (vedi perché un editor di codice adatto è ancora utile?) troverai questa riga:

 / * Questo è tutto, smettere di editing! blogging Felice. * /

Ho messo tutte le mie modifiche proprio sopra questa linea. In questo modo, posso trovare facilmente tutte le modifiche che ho apportato in un unico posto coerente con ogni sito su cui lavoro. Assicurati di salvare il file dopo aver aggiunto il codice e sei a posto.

Modifica il fonctions.php fichier

Le fonctions.php file ti consente di modificare i comportamenti predefiniti di WordPress. Il file funge da plug-in, consentendoti di aggiungere funzionalità e funzionalità al tuo sito WordPress.

Di solito troverai il file incluso nella cartella del tema situata in /wp-content / temi / il nome del tuo tema /. Se non ne hai uno, puoi crearlo facilmente; assicurati solo di inserirlo nel tema su cui intendi apportare le modifiche.

Se stai iniziando con un file appena creato dovrai aprire lo script php usando <?php. A differenza di un file PHP tradizionale, non è necessario chiudere lo script (in effetti, avrai meno problemi se non lo chiudi).

Di seguito sono riportati alcuni esempi di cose che puoi aggiungere al tuo fonctions.php e il codice corrispondente da inserire nel tuo tema. Tieni presente che qualsiasi modifica importante viene gestita al meglio utilizzando un tema figlio.

Esempio di codifica magica: aggiungi il supporto per le miniature

Se il tuo tema non supporta le miniature, puoi aggiungere il seguente codice al tuo fonctions.php File:

add_theme_support ('post-thumbnails');

Per farlo funzionare nel tuo tema, aggiungi questa riga di codice al tuo ciclo in cui vuoi che appaiano le miniature:


Esempio di codifica magica: creare una lunghezza snippet personalizzata

L'impostazione predefinita di WordPress è una lunghezza dello snippet di 55 parole, ma aggiungendo questo pezzo di codice al tuo fonctions.php ti permetterà di impostare la lunghezza dell'estratto su qualcosa di più a tuo piacimento.

// funzione lunghezza estratto personalizzato custom_excerpt_length ($ lunghezza) {return 20; } add_filter ('excerpt_length', 'custom_excerpt_length');

Sostituisci semplicemente il "20" con il numero che vuoi che sia la lunghezza dello snippet.

Crea facilmente il tuo negozio online

Scarica gratuitamente WooCommerce, i migliori plug-in di e-commerce per vendere i tuoi prodotti fisici e digitali su WordPress. [Consigliato]

pacco

Ormai dovresti sapere tutto quello che bisogno vale a dire sulla modifica dei file principali di WordPress. Ora è il momento di mettere in pratica la tua saggezza appena acquisita.

Buona fortuna e assicurati di farci sapere cosa stanno facendo gli imbrogli nella sezione commenti qui sotto!

Fonte

Questo articolo contiene i commenti 0

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza Akismet per ridurre indesiderati. Ulteriori informazioni su come vengono utilizzati i dati dei commenti.

Torna in alto
0 azioni
quota
Tweet
Enregistrer