Vai al contenuto principale

Sfrutta la vulnerabilità: perché mettono a rischio il tuo sito

Divi: il tema WordPress più semplice da usare

Divi: il miglior tema WordPress di tutti i tempi!

più Download di 901.000, Divi è il tema WordPress più popolare al mondo. È completo, facile da usare e viene fornito con oltre i modelli gratuiti 62. [Consigliato]

I plugin sono una parte importante del motivo per cui WordPress è il Il primo sistema di gestione dei contenuti (CMS) al mondo. Tuttavia, aggiungono anche codice al tuo sito web, fornendo maggiori possibilità di exploit di vulnerabilità.

Fortunatamente, ci sono modi per proteggere il tuo sito WordPress da attività dannose. Con gli strumenti e le tecniche giusti, puoi difenderti 4,3 miliardi di tentativi di sfruttare le vulnerabilità che si svolgono ogni anno.

In questo articolo, daremo uno sguardo a cosa sono gli exploit di vulnerabilità e perché hanno fatto notizia di recente. Successivamente, condivideremo tre passaggi che puoi eseguire per proteggere il tuo sito WordPress dagli attacchi associati. Immergiamoci!

Comprendere gli exploit di vulnerabilità (e perché sono cattive notizie per il tuo sito Web WordPress)

Recentemente, sono state scoperte quattro principali vulnerabilità nel popolare plug-in per la creazione di moduli, Forme ninja. Una terza parte dannosa potrebbe potenzialmente utilizzare questi difetti per eseguire tutti i tipi di attività dannose.

Alcuni possibili attacchi nel caso di Ninja Forms includevano l'impostazione di reindirizzamenti in modo che chiunque tenti di accedere al tuo sito venga invece reindirizzato a una pagina dannosa. Lì, l'hacker può infettare il browser del visitatore con malware o tentare di rubare le sue informazioni private come i dettagli di pagamento. Tutte queste azioni potrebbero essere disastrose per la tua reputazione e portare a una perdita di fiducia tra il tuo pubblico.

Le parti dannose possono persino utilizzare queste vulnerabilità per danneggiare il tuo sito Web o rimuoverlo completamente. Se non ce l'hai creato backup regolari, potresti potenzialmente perdere tutti i tuoi contenuti senza alcuna speranza di ripristinarli.

Fortunatamente, Ninja Forms ha agito rapidamente e ha risolto tutte le vulnerabilità identificate con il rilascio della versione 3.4.34.1. Tuttavia, questo evidenzia la minaccia che i plugin possono rappresentare per il tuo sito web, con prove che suggeriscono che quasi tutti Le vulnerabilità di WordPress sono legate ai plugin.

I plugin possono esporre il tuo sito a un'ampia gamma di minacce. Tuttavia, gli exploit di vulnerabilità sono particolarmente comuni. Secondo un recente rapporto, c'era 4,3 miliardi di tentativi per sfruttare il codice debole di oltre 9,7 milioni di indirizzi IP univoci nel 2020.

Crea facilmente il tuo sito Web con Elementor

Elementor ti consente di creare facilmente qualsiasi design di sito Web con un aspetto professionale. Smetti di pagare caro per quello che puoi fare da solo. [Free]

Gli exploit di vulnerabilità sono così comuni che quando WordFence ha esaminato quattro milioni di siti Web, ha scoperto che tutti avevano sperimentato almeno un tentativo di sfruttamento della vulnerabilità. Se usi qualunque Plugin di WordPress, è essenziale che tu prenda provvedimenti per proteggere il tuo sito da tali attacchi.

Come proteggersi dagli exploit di vulnerabilità (3 pratiche chiave)

Al momento della stesura di questo articolo, ce ne sono quasi 4000 vulnerabilità note dei plugin di WordPress nel database WPScan. Questo è il motivo per cui è così importante adottare misure per proteggere il tuo sito dagli exploit di vulnerabilità e per assicurarti di utilizzare i plugin in modo sicuro. Ecco tre best practice da seguire per mantenere protetto il tuo sito.

1. Mantieni aggiornati i tuoi plugin

Quando viene rilevata una vulnerabilità, lo sviluppatore del plug-in spesso si affretta a risolvere il problema e rilasciare un aggiornamento. Ciò significa che mantenere aggiornati i plug-in è il modo migliore per proteggersi dagli exploit noti. Se rimani indietro, potresti perdere importanti correzioni di sicurezza e lasciare il tuo sito aperto agli attacchi.

Puoi controllare gli aggiornamenti manualmente andando su Aggiornamenti> Aggiorna plugin nella dashboard di WordPress. Tuttavia, questo non è l'ideale se tu eseguire più siti Web.

è possibile aggiorna tutti i tuoi plugin su più siti Web utilizzando ManageWP. Accedi al tuo ManageWP Dashboard e selezionare plugin. È quindi possibile fare clic sul file Mises à jour scheda per visualizzare tutti gli strumenti che hanno nuove versioni disponibili:

Tuttavia, questo metodo richiede ancora di verificare manualmente la dashboard di ManageWP. Poiché gli exploit di vulnerabilità sono una minaccia così seria, consigliamo ricerca automatica degli aggiornamenti disponibili.

Per mettere i tuoi aggiornamenti sul pilota automatico, seleziona il file pianificazione nella dashboard di ManageWP. È quindi possibile scegliere un'ora e una data per ManageWP per verificare la disponibilità di aggiornamenti e installare quelli che trova:
Monitoraggio delle vulnerabilità di sicurezza con ManageWP.
Quando si tratta di aggiornamento automatico, alcuni proprietari di siti Web sono preoccupati per l'attivazione di conflitti di plug-in. Se il tuo sito installa automaticamente nuovi aggiornamenti, è possibile che due plugin che in precedenza coesistevano felicemente diventino improvvisamente incompatibili mentre non sei disponibile per risolvere il problema.

Con ManageWP aggiornamenti sicuri, puoi godere dei vantaggi degli aggiornamenti automatici senza doversi preoccupare dei conflitti tra i plug-in. Nell'improbabile caso che qualcosa vada storto, la nostra funzione Aggiornamenti protetti annullerà le modifiche e ripristinerà il tuo sito web.

2. Utilizzare un Web Application Firewall (WAF)

Quando viene rilevata una vulnerabilità, lo sviluppatore del plug-in idealmente rilascerà una patch prima che diventi pubblica. Tuttavia, questo non è sempre il caso e potrebbe esserci un periodo in cui sei costretto a utilizzare un plug-in non sicuro.

In questo scenario, a Web Application Firewall (WAF) può impedire agli aggressori di abusare di una vulnerabilità nota filtrando le richieste dannose prima che raggiungano il tuo sito web. Sono disponibili diversi firewall per WordPress, ma Sucuri WAF è un'opzione popolare:
Protezione contro gli exploit di vulnerabilità utilizzando il plugin Sucuri.
Dopo aver acquistato il tuo Mappa di Sucuri WAF, puoi accedere al tuo account e fare clic su Proteggi il mio sito adesso. È quindi possibile inserire il nome del dominio e scegliere se si desidera inserire nella whitelist le directory. Questo può essere utile per limitare l'accesso alle parti vulnerabili del tuo sito che gli hacker prendono spesso di mira, come le directory amministrative.

Puoi anche utilizzare Sucuri Domain Name System (DNS) come infrastruttura DNS. Se si opta per questa funzione, Sucuri eseguirà il routing geografico, che potrebbe migliorare le prestazioni. Anche se questo non aiuterà a mantenere sicuro il tuo sito, può migliorare l'esperienza dei visitatori.

Dopo aver modificato queste impostazioni, dovrai scorrere verso il basso fino alla pagina del dashboard generale in cui Sucuri fornisce le sue informazioni DNS. Il tuo prossimo compito è cambiare l'indirizzo IP del record A del tuo sito web in modo che punti al firewall di Sucuri. Di solito puoi farlo tramite il tuo registrar di domini o provider DNS:
Impostazioni DNS di un provider di hosting.
La propagazione delle modifiche DNS può richiedere fino a 48 ore, sebbene in genere vengano completate entro poche ore. Puoi verificare se il tuo DNS si è propagato visitando whatsmydns.net. Una volta aggiornato, godrai della protezione completa del firewall di Sucuri.

3. Tieniti informato sulle ultime vulnerabilità di WordPress

Se vuoi proteggerti dagli exploit di vulnerabilità, devi conoscere i potenziali punti deboli del tuo sito. Molti siti web pubblicano articoli sulla sicurezza di WordPress, inclusi Security Boulevard, Notizie dagli hackere Aiuta con la nuova sicurezza.

Aggiungendo ai segnalibri questi siti incentrati sulla sicurezza, puoi tenerti aggiornato con le ultime notizie di WordPress, comprese le vulnerabilità e le correzioni dei plug-in note. Tuttavia, più di 58 plugin sono disponibili in Repository ufficiale di WordPress e molti altri presso terzi mercati come CodeCanyon. Monitorare migliaia di plugin non è un compito facile!

Ecco perché è utile disporre di strumenti dedicati in grado di identificare le vulnerabilità che rappresentano una minaccia per il tuo particolare sito web. WPScan ha pubblicato un documento disponibile al pubblico Database delle vulnerabilità per WordPress Core, temi e plugin:
La vulnerabilità WPScan sfrutta il database.
WPScan ha persino pubblicato un file plugin dedicato che scansionerà il tuo sito alla ricerca di vulnerabilità note dei plugin:

Il plugin WPScan.Tuttavia, se sei un cliente ManageWP, non hai bisogno del plugin WPScan. Abbiamo lavorato con il team di WPScan per visualizzare tutti i loro dati direttamente nella tua dashboard:
Identifica le vulnerabilità nel dashboard ManageWP.
questo Aggiornamenti sulle vulnerabilità La funzione visualizza una notifica accanto a tutti i plugin con vulnerabilità note. Guardando semplicemente la dashboard di ManageWP, puoi identificare i problemi che stanno attualmente interessando i tuoi plugin. È quindi possibile intervenire per porre rimedio a questa minaccia, ad esempio installare l'ultimo aggiornamento o rimuovere il plug-in.

Conclusione

Se i tuoi plugin contengono vulnerabilità, gli hacker possono potenzialmente sfruttare questi punti deboli per devastare il tuo sito. Prendendo ora alcune precauzioni, puoi rendere più difficile l'accesso al tuo sito Web da parte di terze parti dannose, anche quando esegue codice vulnerabile.

Ricapitoliamo il nostro piano in tre fasi per difenderci dagli attacchi dei plugin:

  1. Mantieni aggiornati i tuoi plugin.
  2. Utilizzare un firewall per applicazioni Web (WAF) come Sucuri WAF.
  3. Tieniti informato sulle ultime vulnerabilità.

Hai domande su come proteggerti dagli exploit di vulnerabilità? Fateci sapere nella sezione commenti qui sotto!

Credito immagine in primo piano: Unsplash.

Fonte

Questo articolo contiene i commenti 0

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza Akismet per ridurre indesiderati. Ulteriori informazioni su come vengono utilizzati i dati dei commenti.

Torna in alto
0 azioni
quota
Tweet
Enregistrer