Vai al contenuto principale

Come creare un blocco duplicato su Gutenberg

Divi: il tema WordPress più semplice da usare

Divi: il miglior tema WordPress di tutti i tempi!

più Download di 901.000, Divi è il tema WordPress più popolare al mondo. È completo, facile da usare e viene fornito con oltre i modelli gratuiti 62. [Consigliato]

Se stai leggendo questo tutorial, probabilmente hai già provato il nuovo editor Gutenberg per WordPress.

Se non l'hai ancora fatto, ti consiglio di provarlo. È attualmente disponibile come plug-in, ma verrà unito a WordPress in futuro, quindi un giorno dovrai conoscerlo.

prova gutenberg.png

Come tutte le nuove interfacce utente, ha i suoi fan e detrattori. Ci vuole sempre tempo per prendere confidenza con una nuova interfaccia ed è forte la tentazione di ignorare la nuova versione.

Come molte persone, all'inizio ero scettico nei confronti di Gutenberg. Lavoro con la vecchia interfaccia da alcuni anni e la conosco bene.

Ma Gutenberg apporta un sacco di ottimizzazioni. E ha una caratteristica che mi ha fatto riflettere due volte. Cos'è questa caratteristica? Questi sono i blocchi duplicati e condivisi.

Potrebbe non sembrare molto, ma ha il potenziale per rendere più efficace il modo in cui creo i contenuti e per rendere quel contenuto più efficace nell'indurre i visitatori ad agire dopo averlo letto.

In questo tutorial, ti mostrerò come creare blocchi duplicati e condivisi in Gutenberg e condividere alcune delle possibilità che aprono.

Ma prima, un rapido primer sui blocchi.

Quali sono i blocchi?

I blocchi sono ciò che accende Gutenberg. Tutti i tuoi contenuti verranno aggiunti tramite un blocco. Nello screenshot qui sotto, puoi vedere un articolo con un numero di blocchi nell'editor:

scrivi un articolo su Gutenberg.png

Ci sono un'ampia varietà di blocchi là fuori, che rifletteranno i tipi di contenuti che sei abituato ad aggiungere ai tuoi post, ma ti daranno un modo diverso per farlo. I blocchi includono:

  • Blocchi di testo: paragrafi, elenchi, intestazioni, codice, virgolette, tabelle
  • Blocchi multimediali: immagine, galleria, audio, video
  • Elementi del layout: pulsanti, distanziatori, divisori, interruzioni di pagina
  • Blocchi widget: categorie, ultimi post, shortcode
  • Integra blocchi: YouTube, Soundcloud, Spotify, Twitter e altro ancora

La gamma di blocchi è enorme e in crescita con un numero di plug-in di terze parti rilasciati che utilizzano l'API Gutenberg per aggiungere ulteriori blocchi.

Ogni volta che devi aggiungere un contenuto a un post o una pagina, aggiungi un blocco. E ogni parte di contenuto verrà archiviata nel proprio blocco, anche singoli paragrafi.

Ciò significa che puoi spostare i blocchi per modificare e riorganizzare i tuoi contenuti. Significa anche che puoi riutilizzare i blocchi di contenuto creando un blocco duplicato o condiviso.

Crea facilmente il tuo sito Web con Elementor

Elementor ti consente di creare facilmente qualsiasi design di sito Web con un aspetto professionale. Smetti di pagare caro per quello che puoi fare da solo. [Free]

Blocchi duplicati

Un blocco duplicato è piuttosto semplice. Prendi un blocco esistente che hai creato e ne fai una copia.

Per fare ciò, passare il mouse sull'ellisse (tre punti allineati verticalmente) a destra del blocco e fare clic sull'opzione duplicare .

duplicare un block.png

Un duplicato di questo blocco verrà creato direttamente dopo il blocco originale, nello stesso articolo.

Puoi usarlo quando desideri duplicare contenuti (come una citazione, una rimozione, un invito all'azione o un'immagine) e aggiungere un'altra copia altrove nel tuo articolo. Devi solo trascinare il nuovo blocco dove vuoi che sia. Attenzione a non posizionare blocchi duplicati troppo vicini tra loro o creare accidentalmente troppi duplicati!

Un altro utilizzo può essere quando si desidera creare un secondo blocco simile al primo ma non uguale. In questo caso, è necessario creare il blocco duplicato e quindi modificarlo. Questo è utile se hai passato un po 'di tempo a formattare il tuo primo blocco (ad esempio, ridimensionare un'immagine) e vuoi duplicare la formattazione, ma modificare il contenuto o viceversa.

Quando modifichi un blocco duplicato, le modifiche apportate non hanno alcun impatto sul blocco originale: sono due blocchi non collegati.

Pertanto, i blocchi duplicati sono ottimi per risparmiare tempo quando si desidera creare contenuti uguali o leggermente diversi dagli altri contenuti della pubblicazione.

Ma hanno un difetto: funzionano solo in un singolo articolo. Cosa usi se vuoi duplicare il contenuto tra gli articoli? È qui che entrano in gioco i blocchi condivisi.

Blocchi condivisi

Un blocco condiviso funziona in modo diverso da un blocco duplicato. Quando crei un blocco condiviso, è come un modello per tutti gli altri blocchi che crei da esso. E quando modifichi uno di questi blocchi, le modifiche si riflettono in tutti i blocchi condivisi. Puoi sovrascriverlo, come ti mostrerò a breve.

Crea un blocco condiviso

Per creare un blocco condiviso, inizia creando qualsiasi tipo di blocco normale nel solito modo. Quindi, una volta fatto ciò, passa di nuovo con il mouse sull'ellisse e questa volta seleziona l'opzione Converti in blocco condiviso .

Vedrai un campo di testo visualizzato sotto il blocco, dove dovrai dare un nome al blocco.

Stai cercando i migliori temi e plugin per WordPress?

Scarica i migliori plugin e temi WordPress su Envato e crea facilmente il tuo sito web. Già più di 49.720.000 download. [ESCLUSIVO]

creare un blocco riutilizzabile.png

Assegna al blocco un nome univoco che avrà senso quando lo aggiungi a post diversi da questo. Dovrebbe essere memorabile, quindi sai esattamente qual è il blocco quando torni a usarlo tra settimane o addirittura mesi. Trovo utile aggiungere il tipo di blocco dopo il titolo, tra parentesi. Dopo aver digitato il nome del blocco, premere il pulsante Enregistrer .

block gutenberg.png

Il titolo che hai assegnato al blocco verrà visualizzato sotto di esso nell'editor ogni volta che lo utilizzi, ma non verrà visualizzato nel front-end del tuo sito.

Riutilizzare un blocco condiviso

Il potere dei blocchi condivisi è che, dopo averli creati una volta, puoi riutilizzarli tutte le volte che vuoi, ovunque ti trovi sul tuo sito.

Quando desideri aggiungere un blocco condiviso a un articolo, invece di creare un normale blocco di testo, fai clic sul pulsante + in alto a sinistra nella schermata di modifica. Apparirà un menu contestuale con una varietà di tipi di blocchi tra cui scegliere. Scorri verso il basso finché non vedi l'opzione diviso e fare clic su di esso.

Ora vedrai tutti i blocchi condivisi che hai creato sul tuo sito. Il mio sembra un po 'disordinato: ho sperimentato blocchi condivisi su questo sito locale e non ho dato loro il nome migliore.

usa reutilisable blocks.png

Ora fai clic sul blocco condiviso che desideri utilizzare e verrà aggiunto al tuo articolo.

Modifica dei blocchi condivisi

La modifica dei blocchi condivisi comporta alcune complicazioni da tenere a mente. Il primo è che se modifichi un blocco condiviso che hai aggiunto a un post, anche il suo contenuto verrà modificato in ogni post in cui hai aggiunto quel blocco.

Per modificare il blocco, fare clic sul pulsante Modificare tenendo in considerazione il suo titolo. È quindi possibile modificare il contenuto e il titolo del blocco. Queste modifiche avranno effetto in tutte le istanze del blocco.

È un ottimo modo per apportare modifiche al tuo sito se hai contenuti che devono essere aggiornati. Ad esempio, se hai utilizzato un blocco condiviso per un invito all'azione con il tuo numero di telefono o indirizzo email e i tuoi dettagli di contatto cambiano, dovrai modificare il blocco solo una volta.

Tuttavia, questo è un problema se vuoi solo modificare un'istanza del blocco condiviso e rendere il suo contenuto leggermente diverso in un articolo. Per fare ciò, è necessario convertirlo in un blocco normale e quindi modificarlo. Passa il mouse sull'ellisse a destra del blocco e fai clic sull'opzione Rimuovere i blocchi riutilizzabili.

rimuovere reutilizable blocks.png

Quindi si comporterà come qualsiasi altro blocco normale sul tuo sito.

Se desideri creare un altro blocco condiviso simile a un blocco esistente (ad esempio, se desideri due versioni diverse del testo dell'invito all'azione che utilizzerai in base al contenuto del post), puoi farlo. Segui questi passi:

  1. Crea il tuo primo blocco condiviso come descritto sopra.
  2. Aggiungi il blocco condiviso a un nuovo articolo
  3. Convertilo in un blocco normale e modificalo.
  4. Convertilo in un blocco condiviso, come hai fatto la prima volta.
  5. Dagli un nome diverso da quello originale, un nome che ti aiuterà a identificare facilmente le differenze tra i due blocchi. Salvarla.

Ora hai due blocchi condivisi che puoi utilizzare ovunque sul tuo sito.

Archiviazione di blocchi condivisi

Se intendi creare più blocchi condivisi da utilizzare sul tuo sito, ha senso conservare una copia di ciascuno di essi se si trovano in un luogo in cui puoi facilmente accedervi e modificarli.

Crea facilmente il tuo negozio online

Scarica gratuitamente WooCommerce, i migliori plug-in di e-commerce per vendere i tuoi prodotti fisici e digitali su WordPress. [Consigliato]

Ho creato un articolo sul mio sito che non pubblicherò che contiene una copia unica di ciascuno dei blocchi condivisi che ho creato.

Non solo posso utilizzare questo articolo per accedere a tutti i miei blocchi condivisi, ma se lo desidero, posso anche aggiungere del testo sopra ciascuno per fornire una nota su cosa sia ciascun blocco e dove è progettato per andare sul mio sito, come che tipo di post, dove nel post ecc. Questo funge da pratico punto di riferimento che io (o chiunque altro modifichi il sito) può utilizzare per assicurarmi di utilizzare i blocchi condivisi in modo coerente. Inoltre, mi rende più facile trovare un blocco condiviso se devo modificarlo.

I blocchi duplicati e condivisi rendono più efficiente la gestione dei contenuti

Essere in grado di creare contenuti duplicati come questo sotto forma di blocchi duplicati o condivisi rende il processo di aggiunta di contenuti al tuo sito più efficiente.

A mio parere, i maggiori vantaggi derivano dall'utilizzo di blocchi condivisi per i contenuti che desideri aggiungere a più post sul tuo sito, come gli inviti all'azione. In passato questo è qualcosa che ho fatto scrivendo un plugin e collegando il contenuto a un action hook in ciascuno dei miei post, ma è possibile solo se il tuo tema ha un hook nel posto giusto. e se ti senti a tuo agio con il codice. Gutenberg renderà più facile e veloce la creazione, l'aggiunta e la gestione di contenuti duplicati su un sito.

Raccontaci come hai usato blocchi duplicati e condivisi!

Questo articolo contiene i commenti 0

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza Akismet per ridurre indesiderati. Ulteriori informazioni su come vengono utilizzati i dati dei commenti.

Torna in alto
17 azioni
quota14
Tweet1
Enregistrer2